Zucchine sottolio: il fresco profumo dell’orto

Le zucchine, originarie dell’America Latina, hanno un alto contenuto di acqua e pochissime calorie. Ricche di vitamine, fosforo e potassio, sono ortaggi tipici della stagione estiva.

La varietà che coltiviamo nella nostra azienda agricola è quella campana San Pasquale, caratterizzata da forma cilindrica e striature di colore verde chiaro.

Le piantine sono messe a dimora solitamente intorno alla metà di maggio (il nome di questa varietà è legato a San Pasquale Baylon che si festeggia, appunto, il 17 maggio). In casi eccezionali come quest’anno, in cui la pioggia è stata insistente fino alla fine di maggio, si possono piantare anche dopo. E sono disponibili fino alla fine di ottobre.

Le piante delle zucchine del nostro orto.

Le piante delle zucchine del nostro orto.


In questi giorni è in corso la raccolta a mano nei campi, a cui segue la trasformazione, fatta sempre in modo manuale.
Zucchine raccolta manuale

Le nostre zucchine sono raccolte a mano.

Zucchine appena raccolte

Zucchine appena raccolte.

Le zucchine vengono lavate e tagliate a rondelle, quindi messe sotto sale, strizzate e passate per qualche minuto in acqua bollente insieme all’aceto; messe a raffreddare e preparate nei vasetti di vetro, con abbondante olio extra vergine di oliva. Senza l’aggiunta di conservanti né coloranti.

Zucchine condite

Zucchine insaporite con olio extra vergine di oliva e peperoncino.

Zucchine in vasetto di vetro

Zucchine pronte per la degustazione.


Le zucchine sono preparate a poche ore dalla raccolta e in questo modo mantengono la loro croccantezza e nel piatto restituiscono tutto il profumo dell’orto.

Suggerimenti per servire le zucchine

Le zucchine sottolio possono accompagnare come contorno piatti a base di carne e formaggi, e naturalmente si possono usare negli antipasti. Con il pane possono diventare anche una insolita merenda.

Per preservarne la qualità è importante conservare il vasetto in un luogo fresco e al riparo dalla luce. Dopo l’apertura è bene riporlo in un luogo fresco, con un filo di olio extra vergine di oliva.

Vuoi assaggiare le nostre zucchine? Puoi prenotarle a questo numero: 3389549348 – chiamando o inviando un messaggio su WhatsApp.

Oppure visita il nostro shop online!

Dentro al barattolo: come sono fatti i nostri prodotti?

Conservanti, addensanti, coloranti, gelificanti. È spesso infinita la lista delle sostanze che leggiamo sulle etichette degli alimenti che acquistiamo al supermercato. Camuffate dietro nomi difficili, percentuali e codici, ci sono sostanze che danno colore, consistenza e sapore a ciò che mangiamo.

Sono le regole della produzione industriale che, per garantire lunga conservazione e appetibilità agli alimenti, ricorre agli additivi, in un quadro normativo ben regolamentato e controllato.
Eppure spesso il consumatore si perde in mezzo alla giungla di sigle e nomi impronunciabili. È sempre più evidente che anche per fare la spesa è necessario un bagaglio di conoscenze non da poco, per decifrare i messaggi contenuti in etichetta.

Noi abbiamo scelto di continuare a camminare su una strada poco battuta. Di offrire piccole produzioni genuine, nate lavorando la terra in modo sostenibile.

Cosa c’è nei nostri barattoli

I nostri prodotti sono ricercate bontà ottenute per sottrazione: senza conservanti, senza coloranti, senza addensanti, senza gelificanti. Tutto riportato in etichetta in modo chiaro e trasparente, con una lista di ingredienti molto corta, a denotare la semplicità delle nostre preparazioni. Gli unici conservati che adoperiamo sono quelli naturali: aceto, sale, olio, limone.

Tutti i nostri prodotti sono lavorati a mano: i pomodori rossi e gialli passati, pelati, a pacchetella; gli ortaggi sottolio (melanzane, zucchine, peperoni, carciofini…); i sughi con gli ingredienti della tradizione; le creme al tartufo.

Facciamo scorte dell’abbondanza colorata dell’estate per godere dei suoi sapori anche nei mesi invernali. Come si è sempre fatto nelle famiglie contadine. E ogni nuova stagione che il Cielo ci regala, ricominciamo con la produzione dal fresco. Direttamente nel nostro laboratorio in loco, senza alcuna intermediazione.

Materie prime di stagione, coltivate nei nostri orti a Palomonte, in provincia di Salerno, raccolte a mano quando sono giunte a maturazione, trasformate in modo artigianale a poche ore dalla raccolta.

C’è tutto questo in ogni barattolo della nostra dispensa. E tutto nel rispetto di rigidi standard volti a garantire qualità e sicurezza alimentare. Oggi l’improvvisazione ha le gambe corte, per ottenere risultati serve lo studio, la preparazione e la collaborazione degli esperti, ognuno nel proprio settore.

Continua a seguirci e presto ti faremo entrare nel nostro laboratorio!

Casa Iuorio al Summer Social Fest di Napoli

Venerdì 19 luglio 2019, dalle 18 alle 21, saremo al Summer Social Fest, l’aperitivo sociale nel cuore di Napoli. Per l’occasione i migliori prodotti dal mondo del sociale e della produttività etica faranno rete per una buona causa.

L’iniziativa è promossa dalla bottega sociale Che Follia – Social Bazar di Via dei Tribunali, 308, nel centro storico della città partenopea.

Parteciperemo in qualità di sponsor ad una serata caratterizzata dal desiderio di dare voce a chi opera nel sociale per delle nobili cause. Dal sostegno alle donne vittime di violenza, ai percorsi di inclusione professionale per disabili psichici.

Le nostre specialità si potranno gustare con le bruschette ai sapori dell’orto, insieme alla birra fresca e ai taralli artigianali. E per chi volesse godere dei sapori dei nostri prodotti anche dopo la serata nessun problema, le nostre delizie saranno in vendita presso il Social Bazar anche nei giorni a venire.

La ricetta della panna cotta al pecorino

Con questa ricetta diamo il via alla collaborazione con lo chef Umberto Cozzolino, di Dolci Progetti, che di sè dice “Amo parlare, condividere ricette e suggerimenti e avere sempre le mani in pasta”.

La panna cotta al pecorino si adatta bene ad un fresco aperitivo oppure ad un invitante antipasto.

  • Difficoltà: facile
  • Preparazione: 20 minuti più 2 ore di riposo in frigo
  • Cottura: 10 minuti
  • Dose per: 20 semisfere da 4 cm di diametro

 

Ingredienti:

  • 200 g di panna fresca
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 100 g di passata di pomodoro rosso
  • 1 cucchiaino di olio evo
  • un pizzico di sale
  • 3 g colla di pesce
  • basilico
  • erba cipollina
  • pane integrale

 

Procedimento

Panna e pecorino

In un pentolino facciamo arrivare a bollore la panna. Togliamola dal fuoco e aggiungiamo il pecorino grattugiato.

Mescoliamo con cura affinché il pecorino si sciolga completamente, quindi uniamo la colla di pesce precedentemente ammollata in acqua fredda.

Panna cotta al pecorino stampi

Distribuiamo la panna negli stampini di silicone puliti e asciutti. Posizioniamo gli stampini sopra un tagliere per poterli spostare agevolmente.

Poniamoli in frigorifero per 2 ore, affinché la panna cotta si solidifichi. Per velocizzare possiamo passarla in congelatore per 1 ora e, di conseguenza, risulterà semplificata la sformatura della panna cotta al pecorino.

Preparazione salsa

Mentre la panna solidifica, prepariamo una salsa con il pomodoro fresco, l’olio extra vergine di oliva ed il sale, facendo cuocere il tutto per 6/8 minuti e facciamo raffreddare molto bene.

Panna cotta al pecorino pane

Con un taglia biscotti a fiore incidiamo le fette di pane integrale. Facciamo tostare i fiori di pane in una padella molto calda da entrambi i lati.

Panna cotta al pecorino con salsa

Per impiattare posizioniamo su ogni fiore di pane una mini panna cotta e con l’aiuto di una sacca da pasticcere distribuiamo una perla di salsa al pomodoro. Guarniamo con menta ed erba cipollina.

E il piatto è pronoto!

Panna cotta al pecorino

Una variante di questa ricetta: al posto del pane integrale possiamo usare del cous cous, cotto senza sale (la panna cotta è molto saporita). Distribuiamo su ogni cucchiaino da finger food il cous cous, posizioniamo la panna cotta e completiamo con il sugo, e se piace una rosellina di pancetta.

La salsa di pomodoro rosso usata per questa ricetta è disponibile sul nostro shop online.

Le nostre produzioni a basso impatto ambientale

Coltivare specie autoctone dell’Alta Valle del Sele e praticare un’agricoltura sostenibile. Sono le linee guida che ci siamo dati per portare avanti la nostra attività.

Sono in atto evidenti cambiamenti climatici e crediamo sia importante che ognuno faccia la propria parte. Perciò mettiamo in atto tutta una serie di azioni volte a ridurre le immissioni di anidride carbonica nell’atmosfera.

Il nostro impegno per produzioni a basso impatto ambientale

Svolgiamo attività manuali: nella nostra azienda agricola le attività sono svolte a mano. Dalla messa a dimora di verdure e ortaggi alla raccolta, fino alla trasformazione. La maggior parte delle attività è svolta senza l’uso di mezzi agricoli né macchine industriali.

Coltiviamo in campo aperto: tutto ciò che mettiamo a dimora nei campi cresce grazie alla nostra cura e all’azione degli agenti atmosferici. Principalmente del sole, che “nutre” i frutti della terra. Per produzioni a basso impatto ambientale, non pratichiamo coltivazioni intensive né facciamo uso di serre.

Favoriamo la biodiversità: ci preme continuare a coltivare varietà orticole locali che altrimenti scomparirebbero. Lo facciamo sia perché si tratta di ecotipi dalle caratteristiche nutrizionali uniche, sia per contrastare l’omologazione delle coltivazioni.

Rispettiamo la stagionalità: coltiviamo solo prodotti di stagione per trasformarli freschi e mantenere intatte le loro proprietà nutritive. Ogni stagione ha le sue delizie. L’inverno ci offre le olive, con le quali produciamo il nostro olio extra vergine; la primavera ci dà i carciofi. In estate i campi si colorano con i frutti degli ortaggi: pomodori, melanzane, zucchine, peperoni, peperoncini. L’autunno è il tempo dei broccoli.

Filiera corta: abbiamo immaginato la nostra attività in modo da consentirci la trasformazione delle materie prime nell’arco di 24 ore dalla raccolta. Il nostro laboratorio, infatti, è situato a pochi metri dai campi: tutto per garantire la freschezza dei prodotti e fare anche un gesto d’amore per l’ambiente.

Non sfruttiamo il suolo: pratichiamo la rotazione delle colture in modo da preservare la fertilità della terra, senza sfruttare le sue risorse.

Non sprechiamo l’acqua: irrighiamo nelle ore fresche del giorno, la mattina presto oppure il tardo pomeriggio. Usiamo un sistema di irrigazione a goccia che consente di non sprecare l’acqua, dando ad ogni piantina le riserve necessarie per crescere.

Confezioni plastic free: abbiamo scelto di usare barattoli in vetro per conservare le nostre specialità. Sono di cartone le box che si possono creare per confezionare i nostri prodotti e disponiamo anche di comode shopper in cotone e juta.

Piantiamo alberi: nella nostra tenuta i campi sono circondati da alberi e piante di ogni tipo. Alberi da frutto, ulivi, fichi e altre profumate espressioni tipiche della macchia mediterranea. Gli alberi contribuiscono ad assorbire l’anidride carbonica e tengono pulita l’aria immettendo ossigeno.


Visita il nostro shop online